Eventi

Realt Aumentata nella comunicazione tecnica

Per "comunicazione tecnica" si intende la fornitura di istruzioni per la realizzazione, la modifica e l'uso sicuro di prodotti. I prodotti interessati sono principalmente macchine o software, ma anche oggetti di uso quotidiano che richiedono istruzioni, come farmaci, pentole o giocattoli. L'informazione è quasi sempre trasmessa visivamente, su carta o su schermo. In un prossimo futuro, ci sono buone possibilità che i due canali visivi siano supportati anche dall'inserimento di dati direttamente nella percezione stessa della realtà. Tale procedura è conosciuta come Realtà Aumentata (AR).

Andiamo ora ad analizzare cos'è la Realtà Aumentata e che ruolo può svolgere nel campo della comunicazione tecnica.

Realtà Aumentata

Con l'espressione "Realtà Aumentata" (AR) generalmente ci si riferisce all'ampliamento della percezione umana della realtà tramite informazioni generate da un computer. All'ambiente naturale si aggiunge un secondo livello artificiale, che fornisce dati aggiuntivi in tempo reale.

Questo secondo livello è generato normalmente attraverso un cellulare come un iPhone o Android, oppure tramite un tablet come l'iPad. La sezione interessata della realtà viene catturata da una telecamera e visualizzata sullo schermo; successivamente, vengono aggiunti oggetti e informazioni pertinenti.

Alcuni esempi: Con uno smartphone, l'utente può iniziare a cercare un nuovo appartamento. Mentre cammina nella zona desiderata, un'applicazione immobiliare gli fornisce tutte le informazioni necessarie in tempo reale: un'immagine della strada vista dall'utente, se ci sono appartamenti disponibili, informazioni riguardanti gli appartamenti e anche la direzione verso cui la ricerca potrebbe avere buon fine. Se interessato, l'utente può richiedere ulteriori informazioni riguardanti un oggetto in particolare.

Tali applicazioni sono supportate da una connessione GPS e da dati di orientamento provenienti da uno smartphone con un database che fornisce informazioni immobiliari. L'applicazione individua esattamente dove si trova l'utente che cerca casa e in quale direzione sta cercando. Oltre alla sua percezione naturale della realtà, compare una realtà di secondo livello con dati aggiunti artificialmente; l'utente vede sullo smartphone gli stessi edifici che vede con gli occhi, ma arricchiti da informazioni pertinenti. Così, la realtà è estesa o, in altre parole, aumentata.

Gli oggetti che vengono aggiunti alla realtà hanno le seguenti caratteristiche:

  • Sono legati al mondo reale. La realtà è aumentata, non sostituita, altrimenti, si tratterebbe di realtà virtuale.
  • Non possono essere percepiti con gli organi sensoriali naturali.
  • Corrispondono esattamente al luogo in cui si trova l'utente.
  • Sono sensibili al contesto. L'informazione è localizzata e selezionata secondo lo scopo; l'utente vede solo quello che ha bisogno di vedere per risolvere il suo problema.
  • Sono interattive; l'utente può modificare i dati in base alle sue esigenze. Per esempio, oltre all'informazione presentata automaticamente, l'utente può richiedere ulteriori dettagli che descrivano il prodotto a cui è interessato.
  • Sono forniti sia visivamente sia acusticamente.

Oltre alle applicazioni che funzionano con i dati geografici, ci sono altri tipi di applicazioni che riconoscono gli oggetti e reagiscono di conseguenza.

Supponiamo che il nostro utente munito di smartphone dell'esempio precedente abbia trovato un appartamento adeguato e abbia bisogno di arredarlo. Cammina per la casa e, sul suo smartphone, inserisce piccoli oggetti dove immagina i suoi mobili. Tali oggetti sono conosciuti dall'applicazione e sono connessi con i dati dei mobili. Se punta un oggetto con la telecamera, l'applicazione reagisce e, per esempio, inserisce un armadio davanti al muro. L'armadio può essere modificato nelle sue caratteristiche quali il colore, l'altezza e la profondità. Ancora una volta, la realtà è estesa: la telecamera fornisce una copia tridimensionale dell'appartamento, che il proprietario può riempire con mobili virtuali.

Un mese dopo, l'utente desidera appendere un quadro sul muro e ha portato un trapano elettrico. Orienta il telefono verso il trapano e si avvia automaticamente un tutorial. Questo tutorial non è un semplice video, bensì una riproduzione 3D dell'appartamento con il vero trapano. Il software modifica la riproduzione continuamente e interattivamente a seconda dei cambiamenti della situazione, così che il tutorial funziona come una dimostrazione reale.

Interazione con altre persone

La Realtà Aumentata non è limitata al singolo utente che desidera ottenere informazioni riguardo l'ambiente o che voglia posizionare oggetti nell'ambiente e modificarli. È possibile, infatti, creare oggetti virtuali per altri utenti e, ad esempio, scrivere messaggi sui muri di casa o attaccare grandi poster nel cielo. Tali oggetti rimangono e sono visibili a tutti gli utenti che possiedono lo stesso dispositivo. È come un gioco del computer online, con la differenza che c'è un legame con la realtà.

Applicazioni legate all'ambiente e all'oggetto

Come mostrato negli esempi, ci sono due modi per creare una Realtà Aumentata:

  • attraverso applicazioni legate all'ambiente, che funzionano con dati geografici, come mostrati nell'esempio della ricerca di un appartamento (servizi legati all'ambiente)
  • attraverso applicazioni legate all'oggetto, che funzionano tramite immagini, come mostrato negli esempi dei mobili e del trapano (servizi basati sull'immagine)

Le basi di tali applicazioni sono comunemente chiamate Browser di Realtà Aumentata (ARB), come junaio della società Metaio, o layar della società omonima. Sono disponibili per iOS, Android e Symbian.

Comunicazione tecnica e Realtà Aumentata

Attualmente, le applicazioni basate sulla Realtà Aumentata sono principalmente ideate per il marketing, la vendita e la pubblicità. Nella comunicazione tecnica, la nuova tecnologia è usata solo a scopo "ricreativo" per dimostrarne le potenzialità. Ma questo cambierà. Le applicazioni per la Realtà Aumentata svolgeranno un ruolo essenziale nel settore industriale. Brevi tempi di reazione, mobilità e comunicazione istantanea dell'informazione promettono guadagni produttivi che nessuna società può permettersi di ignorare.

Nel settore industriale, i servizi principalmente basati su immagini sono usati nei seguenti campi:

1. Servizio clienti e manutenzione

La Realtà Aumentata è una tecnologia ideale per il servizio clienti e la manutenzione, poiché l'informazione richiesta può essere ottenuta immediatamente e direttamente in loco. Immaginiamo che un tecnico sia chiamato a riparare una macchina complessa. Egli orienta il suo iPad verso la macchina, i dati della prestazione vengono recuperati immediatamente e il problema viene risolto. Il software, dunque, crea uno strato visivo che identifica il punto problematico e dimostra passo dopo passo il processo di riparazione. Da parte sua, il tecnico inserisce l'informazione riguardante la riparazione usando lo schermo o il comando vocale.

2. Produzione e montaggio

Le informazioni e le istruzioni sono fornite agli utenti esattamente dove e quando richiesto, talvolta anche proiettate sul dispositivo.

3. Gestione della Qualità

È possibile localizzare i problemi con un tablet e guidare l'utente, per esempio all'interno di un'industria di motori. Successivamente, l'utente orienta il tablet sul motore e immediatamente vengono visualizzate le deviazioni dei dati misurati, insieme a consigli su come risolvere il problema.

4. Realizzazione di prototipi e progettazione

In questo campo, la Realtà Aumentata viene già usata da qualche tempo per visualizzare le modifiche di progettazione e componenti.

5. Pianificazione e ricostruzione di stabilimenti

Anche in questo caso, la Realtà Aumentata è usata da tempo per visualizzare il processo di pianificazione. Non si tratta solo della progettazione, ma anche della costruzione; ad esempio, per vedere già dall'inizio della sua costruzione se un sistema di tubature è compatibile con quello esistente.

La Realtà Aumentata lancia una nuova sfida agli scrittori tecnici: in futuro, saranno chiamati a scrivere per un mezzo che è molto più interattivo e situazionale di tutto ciò che è stato utilizzato finora. Questo cambia indubbiamente la redazione di documenti tecnici.

Gli scrittori tecnici devono avere un'idea chiara dell'impressione visiva e uditiva che desiderano ottenere. La Realtà Aumentata non può essere paragonata alla semplice lettura di documenti, sia essa su carta o su schermo. D'altro canto, è un input sensoriale comprensivo che può essere molto interessante per i principianti: parzialmente immersi nella realtà artificiale e, allo stesso tempo, parzialmente legati all'ambiente reale.

La produzione di documentazione tecnica per la Realtà Aumentata richiederà anche un coordinamento maggiormente costante con i realizzatori del software.

La Realtà Aumentata permette di adattarsi perfettamente alla situazione dell'utente. Così, gli scrittori tecnici devono considerare non solo il luogo in cui si trova l'utente, il tempo o il problema con il prodotto, ma anche i modi con cui egli può interagire con la Realtà Aumentata.

Riassunto

La ragione più evidente per cui gli scrittori tecnici possono essere interessati alla Realtà Aumentata è: esiste. Se l'aspetto commerciale non viene toccato in un primo momento (come ora), i responsabili del marketing e gli sviluppatori che scrivono i contenuti e successivamente i fornitori di comunicazione tecnica dovranno convincere i clienti che con questa possono ottenere risultati migliori.

Prospettive commerciali a parte ci sono grandi possibilità di trasmissione delle informazioni che rendono la Realtà Aumentata così interessante per la comunicazione tecnica. Infatti, sostituisce il manuale tradizionale con un insieme di realtà visiva ed acustica, aggiungendo informazioni.

È possibile, anche se non certo, che la Realtà Aumentata si stabilisca come terzo canale indipendente oltre al canale cartaceo e al canale visivo dello schermo. Ad ogni modo, dovrà essere separato dallo schermo e sviluppato attraverso i sensi. Questo dovrà essere oggetto di discussione nei laboratori per qualche tempo; ad ogni modo, finora non ci sono serie applicazioni industriali per mancanza di possibilità tecniche. Ma è solo questione di tempo.

Altre letture

Consultare i seguenti link per ulteriori informazioni:

http://app-solut.com

www.metaio.com/software/engineer

www.layar.com

Dr. Ralf Wienken è responsabile della documentazione tecnica nella Xinfo Wieland Sacher Company. La principale attività di tale azienda è lo sviluppo di software per applicazioni industriali.

ralf.wienken@xinfo.de

http://app-solut.com